SPICCA IL VOLO VANAGLORIA

 

IL NUOVO ROMANZO DI PIETRO MACI

ROMANZO STORICO

È ambientato nel 1587 nel granducato di Toscana all'epoca di Francesco I de'Medici

FANTASY

Il contesto storico si fonde con l'incredibile avventura vissuta dai personaggi

ON THE ROAD

Parte del racconto si snoda lungo strade e attraverso luoghi della Toscana del '500

CAPPA E SPADA

Congiure e intrighi di corte, odio e amore in Vanagloria nel formato cartaceo e Kindle

LA VICENDA

ROMANZO STORICO  100%

60% Complete

FANTASY 40%

60% Complete

ON THE ROAD 35%

60% Complete

CAPPA E SPADA 70%

60% Complete

La storia, quella vera, del Rinascimento italiano fa da sfondo alla vicenda narrata in questo romanzo. Arte, Umanesimo e i grandi cambiamenti della Controriforma. La storia, quella inventata, pur frutto della fantasia dell'autore ricalca i profili di personaggi realmente vissuti ed è ambientata in luoghi realmente esistiti o tutt'ora esistenti.

Alcuni di questi siti, edifici e strade nei secoli hanno subito trasformazioni e cambiamenti nella destinazione d'uso ma, nel racconto, rivivono la loro gloria, testimonianza di uno straordinario passato. Le scarne note a piè di pagina vogliono agevolare il lettore nella comprensione dei dialoghi, nel linguaggio volgare e dei modi di dire in uso sul finire del XVI secolo.

Un curioso ed interessante viaggio a ritroso in luoghi che ci appartengono ma che non conosciamo abbastanza, attraverso personaggi noti e meno noti o addirittura sconosciuti che ci svelano la "vera" storia della nostra città insieme alla topografia e geografia del loro mondo, attraverso una vita quotidiana ed una lingua e cultura che sembra non appartenerci ma che ha preannunciato i nostri costumi e le nostre abitudini.

Un modo diverso di descrivere e vivere l'"arte", penso alla Biblioteca Laurenziana scoperta casualmente da un personaggio. Allo spirito di sacrificio fisico e al senso di appartenenza ad una comunità o ad un credo che sprigionano tutti i protagonisti minori e maggiori.

tutto questo viviamo attraverso una "semplice storia d'amore", un "grosso intrigo di palazzo", un "giallo d'epoca", lo spaccato di vita di un momento importante per la politica, l'arte, la scienza, la medicina, l'esercizio umano in generale che si rivela camaleontico e insondabile attraverso le azioni ed i pensieri di una popolazione curiosa, passionale, talvolta senza scrupoli. Un grande esercizio psicologico.

VALENTINO MORADEI

PERSONAGGI

Questi sono alcuni dei protagonisti di Vanagloria

VANAGLORIA

FRANCESCO

Come il padre Cosimo, era incline al dispotismo ma non seppe mantenere l'indipendenza di Firenze agendo come un vassallo dell'imperatore del Sacro Romano Impero. Francesco de' Medici non si interessò di politica lasciando le sorti del Granducato nelle mani di capaci funzionari. Tassò oltremodo il popolo per versare grandi tributi all'Impero. Si interessò di alchimia, era sensibile all'arte e alle opere d'ingegno.

VANAGLORIA

BIANCA

La granduchessa condivideva con Francesco la passione per l'alchimia e le scienze. Bianca Cappello fu famosa per essere stata al centro di numerosi intrighi di corte, poco amata dai fiorentini e aspramente osteggiata dalla famiglia Medici, soprattutto dal fratello di Francesco, il potente cardinale Ferdinando, che l'apostrofava come la "pessima Bianca".

VANAGLORIA

FERDINANDO

Fratello minore di Francesco, e sempre in disaccordo con lui, Ferdinando de' Medici fu il vero fautore del granducato. Negli ambienti romani veniva chiamato "Il Cardinale" per eccellenza. A Roma aveva già dato prova di essere un abile amministratore. Fondò Villa Medici acquistando molte opere d'arte che poi riportò a Firenze quando ascese al trono granducale alla morte del fratello.

VANAGLORIA

TIMANTE

Dietro la passione di Francesco per l'alchimia e le invenzioni c'era lui: Bernardo Buontalenti, architetto, ingegnere di corte e amico d'infanzia dello stesso granduca. Nella vicenda narrata è Buontalenti che coinvolge il giovane pisano, altro personaggio eccellente, in un'impresa grandiosa voluta dal granduca e che rappresenta il filo conduttore del romanzo.

VANAGLORIA

GIOVANE PISANO

stella nascente del firmamento scientifico, il giovane pisano è parte attiva nel racconto artefice, insieme a Buontalenti, di ciò che rende Vanagloria un coagulo di Storia, fantasticheria e avventura. Più in là negli anni, dopo i fatti narrati, approfondirà le sue esperienze nel campo della fisica e dell'astronomia diventando colui che viene considerato il padre della scienza moderna.

VANAGLORIA

I CAVALIERI

Alcuni cavalieri, accreditati alla corte medicea, rappresentano nel romanzo la longa manus del granduca Francesco e hanno ampio spazio nell'intreccio. Come l'agente segreto Giulio Battaglino, le lance spezzate capitano Ambrogio Tremazzi da Modigliana e generale Aurelio Fregoso conte di Sant'Agata Feltria, i nobili Francesco Orsini Signore di Monterotondo e Marchese Bartolomeo Bourbon del Monte Santa Maria.

VANAGLORIA SU AMAZON

il romanzo è disponibile nei formati e-book e cartaceo

CONTATTI

Alcuni riferimenti per comunicare con l'autore

telefono

+39 0553841869

Email

contact@pieromaci.it

PALAZZO DEI PITTORI

viale Milton, 49 Firenze

GRAZIE PER L'ATTENZIONE